Logo della pagina principale del sito Agi On Line

Calcio a 5

Terzo campionato di calcio a 5


Calcio a 5 2006 - Secondo campionato di calcio a 5 AGI

REGOLAMENTO CAMPIONATO DI CALCio a 5

A.G.I. 2007


modalità di svolgimento del torneo

il torneo si svolge con un girone all’italiana di 10 squadre. Ciascuna squadra giocherà dunque 9 partite, incontrando tutte le altre squadre partecipanti al torneo. Alla squadra vincitrice di ciascun incontro verranno assegnati 3 punti, a quella sconfitta 0 punti. In caso di pareggio verrà assegnato 1 punto a ciascuna squadra.

Tutte le gare si giocheranno come da calendario presso l’impianto privato “Maracanà” di Acireale.


CLASSIFICA FINALE, PLAYOFF E PREMI

La Classifica finale del girone è stilata in base alle squadre che hanno ottenuto il maggior numero di punti. In caso di parità di punti fra più squadre, otterrà il posto migliore in classifica la squadra con miglior punteggio negli scontri diretti, o con migliore differenza a reti o con più reti segnate.

Le prime due classificate si qualificheranno direttamente alle semifinali. La terza, la quarta, la quinta e la sesta classificata disputeranno degli incontri diretti con la seguente formula: terza contro sesta e quarta contro quinta. In caso di parità al termine dei tempi regolamentari, vincerà la miglior classificata nel girone. Le vincenti giocheranno in semifinale contro le prime due classificate del girone, anche in questo caso in caso di pareggio andrà in finale la squadra meglio piazzata nel girone. I playoff si concluderanno con due finali: una fra le squadre vincenti le semifinali per assegnare il primo posto e una fra le perdenti per assegnare il terzo posto. In caso di parità al termine dei tempi regolamentari si andrà a 2 tempi supplementari da 5 minuti e nel caso di ulteriore parità, l’incontro verrà deciso con l’esecuzione di 5 calci di rigore.

Al termine del torneo verranno assegnate delle coppe di riconoscimento alle prime tre squadre secondo la classifica dei playoff, al portiere che avrà subito meno reti, al calciatore che avrà realizzato il maggior numero di reti e alla squadra che complessivamente subirà meno provvedimenti disciplinari. Inoltre alla squadra vincitrice sarà consegnato un premio in denaro di € 200.


DURATA E MODALITA’ DELLA GARA

La durata delle gare è fissata in 50 minuti (2 tempi da 25 minuti con un intervallo di 5 minuti). Il tempo di attesa delle squadre partecipanti è fissato in 15 minuti. Le squadre che non si presenteranno in campo con almeno 4 calciatori entro il tempo di attesa, saranno penalizzate di 2 reti di passivo per la partita da svolgersi. Trascorsi ulteriori 15 minuti (quindi 30 in totale dall’orario della partita), tali squadre perderanno la partita a tavolino.

Ad inizio partita ogni squadra deve comunicare all’arbitro il proprio capitano e il suo vice.


NUMERO DEI CALCIATORI

Ciascuna squadra deve iniziare la gara con 4 o 5 calciatori, di cui uno, sempre identificabile, nel ruolo di portiere. Se una squadra inizia la gara con 5 calciatori potrà far sedere in panchina un massimo di 4 calciatori. Le sostituzioni sono illimitate e possono essere effettuate anche a gioco in svolgimento con l’uscita del calciatore e la successiva entrata del compagno rigorosamente lungo la linea mediana del campo. La sola sostituzione del portiere (con una riserva o con un compagno in campo) deve avvenire a gioco fermo informando l’arbitro. Se per qualsiasi motivo una squadra viene a trovarsi con meno di 3 giocatori in campo la gara viene sospesa con assegnazione del punteggio di 0 a 6. Stesso punteggio viene assegnato se una squadra non si presenta per la gara entro il tempo d’attesa. La sconfitta per 0 a 6 a tavolino comporta un punto di penalizzazione in classifica.


ESECUZIONE DI RIMESSE, CALCIO D’ANGOLO E PUNIZIONE.

L’esecuzione delle rimesse laterali verrà effettuata con i piedi. Tutti i calciatori avversari si devono trovare ad almeno 5 metri dal pallone. Il calciatore incaricato della ripresa del gioco ha 4 secondi di tempo per effettuarla. Qualora dei calciatori si trovino a meno di 5 metri dal punto di esecuzione si può richiamare l’attenzione dell’arbitro sul rispetto della distanza. In tal caso il computo dei 4 secondi ha inizio al fischio dell’arbitro.


PORTIERE

Il portiere non può giocare il pallone nella propria area di rigore per più di 4 secondi. Deve provvedere alla rimessa dal fondo operandola con le mani. Non può realizzare una rete direttamente su rimessa dal fondo. Non può prendere con le mani il pallone passatogli volontariamente da un compagno con i piedi. In deroga al regolamento F.I.G.C., sarà consentito al portiere toccare la palla con i piedi su retropassaggio del compagno di squadra in seguito a rimessa dal fondo, anche senza che il pallone abbia varcato la linea di metà campo o che un giocatore avversario abbia toccato il pallone.

TIRO LIBERO

A partire dal sesto fallo punibile con un calcio di punizione diretto per ogni tempo di gioco la squadra viene punita con un tiro libero. Il pallone viene posizionato sul dischetto del tiro libero. Un calciatore, debitamente identificato, si incarica di tirare in porta con l’intenzione di segnare. Se il fallo viene commesso nella zona del campo compresa tra la linea di fondo e quella immaginaria passante per il disco del tiro libero nella zona d’attacco di ciascuna squadra, il calciatore attaccante può scegliere di battere il tiro libero nel punto dove è stato commesso il fallo anziché dal disco del tiro libero.

Fino all’esecuzione del tiro libero tutti i calciatori devono trovarsi dietro la linea immaginaria passante per il disco del tiro libero e parallela alla linea di fondo, eccetto il portiere avversario che deve trovarsi all’interno dell’area di rigore.

PROVVEDIMENTI DISCIPLINARI

AMMONIZIONE È ammonito il calciatore che commette una delle seguenti infrazioni: a) si rende colpevole di comportamento antisportivo; b) manifesta dissenso con parole e gesti; c) ritarda la ripresa del giuoco; d) non rispetta la distanza prescritta; e) entra o rientra nel rettangolo di giuoco senza il permesso dell’arbitro o infrange la procedura della sostituzione; f) abbandona deliberatamente il rettangolo di giuoco senza il permesso dell’arbitro.

Per una qualsiasi delle suddette infrazioni, viene accordato, alla squadra avversaria, un calcio di punizione indiretto da battersi nel punto in cui è stata commessa l’infrazione.

ESPULSIONE È espulso il calciatore che commette una delle seguenti infrazioni: si rende colpevole di condotta violenta o di un fallo violento di giuoco o sputa contro un avversario o qualsiasi altra persona; priva la squadra avversaria di una rete o di una evidente opportunità di segnare una rete, toccando deliberatamente il pallone con le mani (eccetto portiere nella propria area di rigore) o commettendo un fallo punibile con un calcio di punizione diretto; usa un linguaggio offensivo, ingiurioso o minaccioso; riceve una seconda ammonizione.

Il calciatore espulso deve allontanarsi dal campo e può essere sostituito su autorizzazione dell’arbitro da un compagno dopo 2 minuti dalla ripresa del gioco. Se la squadra in inferiorità numerica subisce una rete prima che siano trascorsi i 2 minuti, il calciatore subentrante può fare ingresso in campo prima del trascorrere degli stessi.

ARBITRI E GIUDICI SPORTIVI

L’arbitro della gara ha il compito di prendere le decisioni tecniche e disciplinari durante l’incontro. Annoterà la segnatura delle reti, il punteggio, i falli cumulativi, e i provvedimenti disciplinari. I calciatori che si renderanno colpevoli durante o dopo la gara di comportamenti violenti, ingiuriosi o minacciosi verranno squalificati per la gara successiva e nei casi più gravi esclusi dal torneo. La valutazione di detti comportamenti spetta collegialmente ai giudici sportivi del torneo su relazione dell’arbitro designato per la gara nella quale sono accaduti i fatti.

MULTE

I giudici sportivi seguiranno i seguenti parametri: 1 penalità per ogni ammonizione, 3 penalità ogni espulsione, 10 penalità per ogni comportamento violento.

Verranno dunque inflitte multe a seconda della somma di penalità raggiunte da ogni squadra durante il campionato (playoff inclusi). Una multa di 5 euro sarà inflitta al raggiungimento di 10 penalità, alla quale si sommeranno eventuali multe di 5 euro, ogni 5 penalità aggiunte alle precedenti.

L’eventuale denaro ricavato dalle multe verrà devoluto in beneficenza all’associazione “Terre des Hommes”, grazie alla quale l’A.G.I. sostiene una bambina a distanza.

LIBERATORIA E INTEGRAZIONI REGOLAMENTARI

Ciascun partecipante al torneo è responsabile della propria salute e del danno che potrebbe causare a quella altrui.

Le norme del regolamento ufficiale del Calcio a 5 della F.I.G.C. integrano le precedenti, ove compatibili.

Contatta il webmaster. Team per l'accessibilità ASIC.Supportaci