GulliLibero

Società e Attualità => Periscopio => Topic iniziato da: helveticus su 27 Novembre 2010, 10:46:40



Titolo: Chi si sente "italiano"?
Post di: helveticus su 27 Novembre 2010, 10:46:40
Leggendo stamane quest'articolo (http://www.corriere.it/unita-italia-150/10_novembre_26/italia-nostra-studenti-rispondono-iodonna_2568d45c-f961-11df-a6ac-00144f02aabc.shtml) del Corriere della Sera, ho pensato di fare la stessa domanda a tutti gli abituali frequentatori del forum, considerando anche l'avvicinarsi del centocinquantenario dell'Unità d'Italia. Cercate di non cadere nel solito vizio di dire "sì, però..." o "no, però...", dareste l'idea di essere tromboni che pontificano; provate più che altro a dire il perché vi sentite (o non vi sentite) italiani/e.

P.S.: secondo l'articolo, Acireale sarebbe un'isola di orgoglio tricolore... XD


Titolo: Re: Chi si sente "italiano"?
Post di: Mercurio su 27 Novembre 2010, 10:54:19
Non appena letto la domanda sono andato subito a cercare l'opzione intermedia che purtroppo non c'era  :icon_asd: Comunque ho scelto "sì". Gli unici motivi che mi rendono orgoglioso di questo paese risalgono come minimo a secoli fa, tuttavia riflettevo sul concetto di "sentirmi italiano" da un pò di tempo e la mia personale opinione è che volente o nolente sono italiano. La cultura non è un qualcosa che si sceglie. Poi semmai possiamo discutere sulla differenza che c'è tra essere italiani e sentirsi italiani., in quel caso forse potrei mutare la mia risposta... Di una cosa sono certo però, mi sento senz'altro europeo.


Titolo: Re: Chi si sente "italiano"?
Post di: Sade su 27 Novembre 2010, 12:32:06
Io mi astengo  :icon_lol:


Titolo: Re: Chi si sente "italiano"?
Post di: Sade su 27 Novembre 2010, 12:59:02
Era una burla...

Ho risposto sì anch'io (checché ne pensino gli utenti a conoscenza delle mie origini).

Avevo scritto un lungo post. Poi l'ho cancellato tutto. Sì sono italiana perché ho in testa i meccanismi italiani. Capitelo da soli cosa voglio dire, ho il ciclo e non vi spiegherò niente.


Titolo: Re: Chi si sente "italiano"?
Post di: Goethe su 27 Novembre 2010, 15:38:59
Idem.

Ciclo escluso.


Titolo: Re: Chi si sente "italiano"?
Post di: kannarob su 28 Novembre 2010, 10:16:32
Sì sono italiana perché ho in testa i meccanismi italiani.

Completamente d'accordo! Già il porsi la domanda è tipicamente italiano!


Titolo: Re: Chi si sente "italiano"?
Post di: Nialia su 28 Novembre 2010, 14:32:00
No, perchè odio il modo in cui la stragrande maggioranza degli italiani gestisce le cose e le rovina.
Mi sento e sono italiana quando si tratta di preservare cultura e tradizioni non disumane.
E tirando le somme mi sento di gran lunga molto più europea, forse in fin dei conti un'italiana di confine (Per questo vorrei andare a vivere nel Ticino, a Lugano o a Udine...  :icon_mrgreen:)


Titolo: Re: Chi si sente "italiano"?
Post di: Ricciolino su 28 Novembre 2010, 15:09:31
Sì sono italiana perché ho in testa i meccanismi italiani.

Completamente d'accordo! Già il porsi la domanda è tipicamente italiano!
:icon_applausi:

Io mi sento italiano e anche siciliano...il complesso di antiitalianità non mi appartiene principalmente perchè non ho complessi di inferiorità riguardo le opinioni che altre persone, magari di altre nazionalità, riflettono su di noi, come quando all'estero ti dicono "siciliano, mafia", perchè, quanti sono, 10000, 5000, siciliani mafiosi non rappresentano la mia sicilianità, e neanche la mia classe politica rappresenta la mia italianità, nè credo quella di altri..così come il papa non rappresenta la fede o il vangelo, ma ben altro, io mi sento italiano perchè mi sento cucito nel DNA la cultura dei miei padri e delle nostre storie...poi non credo neanche molto nel divario Nord-sud, fondamentalmente siamo la stessa gente, a volte ignorantona, alle volte brillante... un'amica che insegna in Lombardia, e non in una scuola di frontiera, raccontava piangendo che i suoi alunni delle scuole medie fanno robe quali pratiche autoerotiche in classe e impulsi di violenza sessuale contro compagne, un esempio di come non esista un luogo geofrafico preciso del nostro stivalone in cui regni il malcostume o l'inciviltà o peggio la malavita... ma neanche a Ficarazzi, va!
il fatto che in tv trasmettano un programma basato sull'ipotesi di trasferirsi all'estero, fa riflettere...ma bisogna capire anche che, come la televisione, alcuni apparati sovrastrutturali, tra cui sta spiccando la politica, non rappresentano davvero per emanazione diretta l'Italia nelle sue più intime declinazioni..


Titolo: Re: Chi si sente "italiano"?
Post di: galeot su 29 Novembre 2010, 03:15:13
"per fortuna o purtroppo" sì :)


... ma neanche a Ficarazzi, va!
:icon_applausi:


Titolo: Re: Chi si sente "italiano"?
Post di: Francis Turner su 13 Dicembre 2010, 19:11:37
Ho la convinzione che "Italiano" stia acquistando un connotato sempre più negativo.
La nostra reputazione cala a picco in diversi stati europei e i motivi che possono farci sentire orgogliosi della nostra italianità che sarebbero il sole, il mare, la pasta, sono tutte cose che non dipendono dalla mentalità degli italiani stessi ma che casualmente ci sono cadute dal cielo o abbiamo ereditato dal passato (oltretutto i tedeschi ci chiamano "spaghettifresser" che vorrà dire sì "mangiatori si spaghetti",peccato solo  che "fresser" è il verbo che i tedeschi usano per descrivere il mangiare dei cani).
Tuttavia io ho risposto "si" perché il fatto che io critichi l'italia, gli italiani e la gravità della situazione in cui versa il nostro paese oggi e nonostante me ne renda conto non faccia nulla per cercare nel mio piccolo di migliorare la situazione, fa si che io incarni pienamente lo spirito italiano: parlare molto, agire poco (se non ci sono degli interessi dietro, ovviamente).


Titolo: Re: Chi si sente "italiano"?
Post di: Echoes su 15 Dicembre 2010, 16:44:58
Io mi sento italiano solo quando ascolto la PFM. Per il resto non avrei problemi ad emigrare.  :icon_asd:
Scherzi a parte, bisogna distinguere tra "essere fieri" di essere italiani ed essere patriottici. Son due cose molto diverse. Non mi sento molto fiero dell'essere umano, figuriamoci dell'Italia di questi ultimi anni, un pò per le brutte figure internazionali, un pò per la politica interna, un pò per il sistema e la mentalità mafiosa che si respira ormai in tutto lo stivale. Non sto negando la tradizione culturale del Bel Paese, semplicemente se dovessi sommare tutti i fattori in gioco non mi sentirei affatto fiero di essere italiano. Il patriottismo poi, come estremizzazione di questa fierezza, diventa un'altra cosa: un sintomo di mentalità chiusa e paesana, un estremo bisogno di appartenenza a qualcosa che non abbiamo nemmeno costruito noi. Serve più a dividere che a unire. Risulterò la pecora nera del topic, ma la mia risposta al sondaggio è no.


Titolo: Re: Chi si sente "italiano"?
Post di: Gavroche su 21 Dicembre 2010, 19:14:55

Non me ne importa nulla delle tradizioni del paese, dei luoghi o della gente. Non provo affezione per una visione tanto orba e limitata. Quindi la mia risposta è no. Nessun giuramento alla nazione.




Titolo: Re: Chi si sente "italiano"?
Post di: ..:: Dioscuro ::.. su 15 Febbraio 2011, 16:50:13
Non lo so.
Dell'Italia amo la bellezza dei territori, così come la ricchezza della sua arte, della sua letteratura, della sua cucina.
E come sempre sono cose che si riescono ad apprezzare, pienamente, quando non le hai.
Ma, nonostante ciò, non sono certo di riuscire a provarne orgoglio. L'orgoglio lo proverei per un senso civico, per la lungimiranza. Per qualunque cosa mi rendesse partecipe in uno spirito congiunto.
Non riesco onestamente a sentirmi italiano per il Colosseo, o per Dante, perchè per quanto ne colga l'incommensurabile ricchezza, li sento come ereditati e non trovo giusto "sbrigarmela" così: abbiamo le cose più fighe quindi siamo i più fighe.
Siamo indietro, e un italiano all'estero vive nel suo intimo una umiliazione quotidiana, per via di chi ci rappresenta o raffigura.


Titolo: Re: Chi si sente "italiano"?
Post di: VioletSkull su 15 Febbraio 2011, 17:27:06

Siamo indietro, e un italiano all'estero vive nel suo intimo una umiliazione quotidiana, per via di chi ci rappresenta o raffigura.

Esattamente.
Paolo, succede anche a te che quando ti viene chiesto da dove vieni provi un attimo di impasse nel dire "dall' Italia" ??


Titolo: Re: Chi si sente "italiano"?
Post di: ..:: Dioscuro ::.. su 15 Febbraio 2011, 17:29:34

Siamo indietro, e un italiano all'estero vive nel suo intimo una umiliazione quotidiana, per via di chi ci rappresenta o raffigura.

Esattamente.
Paolo, succede anche a te che quando ti viene chiesto da dove vieni provi un attimo di impasse nel dire "dall' Italia" ??

Più che altro ormai mi godo le singolari reazioni quando aggiungo "Sicilia" (mi è stato chiesto anche se ho una pistola).


Titolo: Re: Chi si sente "italiano"?
Post di: galeot su 16 Febbraio 2011, 12:37:27
(mi è stato chiesto anche se ho una pistola).

sicuro che non fosse un'avance?


Titolo: Re: Chi si sente "italiano"?
Post di: ..:: Dioscuro ::.. su 16 Febbraio 2011, 15:04:48
Comunque non ho colto la provocazione XD


Titolo: Re: Chi si sente "italiano"?
Post di: Goethe su 16 Febbraio 2011, 18:10:33
(mi è stato chiesto anche se ho una pistola).

sicuro che non fosse un'avance?

In tal caso gli avrebbero chiesto della lupara, semmai.  :icon_perplesso: