GulliLibero
  Home Forum Help Ricerca Calendario Utenti Staff Login Registrati  
  Mostra Posts
Pagine: 1 ... 5 6 [7] 8
91  Cultura e Pensiero / Correnti Culturali / Re: Asterischi il: 19 Dicembre 2009, 21:19:59

Molto interessante!  smiley





92  Cultura e Pensiero / Il Gusto dell'Invettiva / Re: Il Gulliliberiano prima di me è... il: 15 Dicembre 2009, 16:47:38

Il gulliliberiano prima di me qualche tempo fa mi ricordò che un paio di anni prima c’eravamo già presentati, annotando:  “Trenta chili fa… sì, c’eravamo già presentati, ma tu non ti ricordi, ero grosso così!” ( rigonfiandosi la faccia ).
L’utente prima di me è magro, e lo ricordo solo così.
93  Società e Attualità / La sfida politica / Re: Pungente il gotico il: 15 Dicembre 2009, 14:57:09

Non giustifico mai la violenza fisica.
In tutte le altre sue forme è discutibile, persino accettabile.
Mi fa sorridere, piuttosto, la rapida mobilitazione delle parti , il dibattito esploso e diramato in così breve tempo, il risveglio di tante discussioni che nel tempo si erano assopite. L’allarmismo!
Mi fa ricordare amaramente il fatto che una volta i personaggi più grandi ( Lincoln, M.L.King, fratelli Kennedy… ), ed anche meno disapprovati di silvio, venissero fatti fuori.
Di conseguenza se con silvio ci si limita a rompergli la dentiera e a rovinargli il lifting . . .  credo che per un presidente questo sia ben più offensivo.



94  Free Forum / Forum Light / Re: Intervista il Gulliliberiano accanto a te il: 12 Dicembre 2009, 15:31:26

Nulla.


Hai rimpianti ?

95  Free Forum / Forum Light / Re: Intervista il Gulliliberiano accanto a te il: 11 Dicembre 2009, 22:51:05

In particolare a nulla, sono considerazioni generiche che, se proprio vogliamo, possono includere questo forum.
Ritieni legittimo che, di massima, si possa sbattere in faccia la propria verità in qualunque luogo e contesto
solo perché siamo liberi di farlo?


96  Free Forum / Forum Light / Re: Intervista il Gulliliberiano accanto a te il: 11 Dicembre 2009, 22:35:08


Mi piace parecchio. Ma non rientro nella categoria "esperti".


Premettendo che non si trovano verità universalmente riconoscibili diverse dalla matematica e dalla fisica, e che tutto ciò che ne resta è passibile d'interpretazione, credi che questo legittimi un uso sconsiderato della libertà di parola esponendo convincimenti assurdi ed irragionevoli, magari anche in questo forum?
Credi possa avere attinenza con l’etimo di  “gullilibero” ?  
 icon_beer







97  Free Forum / Presentazioni / Re: saluti e baci il: 11 Dicembre 2009, 21:30:22

Bentornato !  Compagno . . .



98  Cultura e Pensiero / Il Gusto dell'Invettiva / Ma l'Inno di Mameli . . . il: 11 Dicembre 2009, 15:00:57






Che ne pensate?




99  Cultura e Pensiero / Correnti Culturali / Re: Islam, quanto ne sappiamo? il: 10 Dicembre 2009, 21:17:07

Non ci arrivi?
100  Cultura e Pensiero / Correnti Culturali / Re: Islam, quanto ne sappiamo? il: 10 Dicembre 2009, 21:14:58

Lauri, gli Arabi sono più sperti di te , fidati.

101  Free Forum / Forum Light / Re: Gullicrisi il: 10 Dicembre 2009, 21:08:00

Il vostro cerchio è troppo stretto ed il male è che vi conoscete bene.
Mi sembra un giocattolo solo vostro.
Lo sarebbe, per certi versi, ma a lungo andare la nuova gente si annoia a scrivere… siete i primi ad annoiarvi, figuratevi noi matricole.


102  Società e Attualità / Annunci / Re: Mi vendo XD il: 21 Novembre 2009, 13:44:43

 icon_bravo















103  Cultura e Pensiero / Il Gusto dell'Invettiva / Re: Foto sgualcite il: 12 Novembre 2009, 19:53:47
Beh… la penso diversamente da tutti.  smiley
Ho sentito la nostalgia della mia infanzia nel momento in cui mi hanno costretto a diventare una persona seria, ad analizzare ed esprimere giudizi razionali e rinnegare quell’aspetto che per molti appariva deleterio ma che, in fondo, rientrava in quella dose di follia inoffensiva e necessaria.
E’ stato proprio quel sentirmi gli occhi tenuti aperti con gli spilli, con le catene ai piedi e ai polsi, per bloccare lo sguardo su una scena , che è il mondo , eguale ad una smisurata crudeltà, una violenza gratuita ed ingiusta, che nessuno ha mai chiesto, in fondo.
E che cosa ci guadagno?
Ho perso la fantasia, la creatività, la semplicità.
Non so più correre come una volta, o saltare o guardare i cartoni animati con interesse.
Ed ho sulle spalle una serie di doveri inderogabili che gravano , ma che non mi rendono una persona migliore, perché questa facoltà di elaborare un pensiero senza dubbio più credibile, o valido , di quello di un bambino non può soddisfarmi.
Posso comprendere concettualmente il “capitolo che va chiuso”, ma lo ritengo immorale come un ladrocinio.
Non è vero che si cresce. Si diventa altre persone. Peggiori, sicuramente . . .



104  Cultura e Pensiero / Il Gusto dell'Invettiva / Foto sgualcite il: 08 Novembre 2009, 02:42:10
E’ invidia quella che provo al cospetto dell’ inesauribile creatività infantile!
Quando mi confronto con quelle limpide ingenuità, dai complicati tratti visionari, la disfatta mi appare inevitabile.
Eppure vedere che tutto è bruciato via , così, con la disillusione e l’omicidio dell’innocenza mi disorienta .
Posso dire di conservare tanti ricordi del mio passato e che ogni persona ha segnato certamente il mio modo di pensare, di agire, persino di provare emozioni. E mi spaventa finanche credere che quei bambini che spesso mettiamo da parte perché “non sono abbastanza maturi” da sostenere i nostri stessi velleitari spunti razionali , che in fondo “snobbiamo” od ascoltiamo parzialmente perché a noi non possono insegnarci nulla che non crediamo di sapere già , ecco, proprio quei bambini vengono segnati dallo sguardo che rivolgiamo loro con severità.

Kant considerò i bambini come “ legno storto che bisogna raddrizzare”.
 
Qualcun altro disse anche:

“I grandi non capiscono mai niente da soli e i bambini si stancano a spiegargli tutto ogni volta.” Antoine de Saint-Exupéry



Voi cosa pensate al riguardo?
Cambiereste questo vostro presente con la vita di un bambino?

 


105  Società e Attualità / Periscopio / Re: Eroina il: 21 Ottobre 2009, 15:54:25
Non mi sento di condannare l’intenzione di coloro che tentano l’estraniazione da questo sterminato male di vivere  o ne cercano in qualche modo una giustificazione. E’ una pratica millenaria, il rifuggire dalla realtà inabissandosi nell’inconscio per vivere di immagini oniriche e visionarie, ed offre un notevole benessere interiore;
esiste, insomma, da quando l’uomo è nato. Ma devo biasimarne il mezzo.
Personalmente comprerei il biglietto di sola andata per gli inferi solo al termine di una serie d’obbligate esperienze,
dopo avere girato il mondo, ad esempio, e conosciuto un mucchio di gente, avere provato a pelle la drammaticità di questo faticoso respirare e di tutte le ingiustizie insopportabili.
Ma giovani che nella vita, probabilmente, si sono confrontati solo con l’ombra della chiesa di una piazza o con quella di una metropolitana e che con tanta manifesta fierezza stabiliscano quando uccidersi non soltanto mi sembra un abuso immorale di quel piccolo frammento di  libertà di cui tutti godiamo in quanto uomini ( nessuno può condannarci a vivere o negarci il suicidio ) ma una scelta ben più che idiota.
Idiota non perché non si ritrovi più il piacere del vivere ma perché si diventa ciechi e succubi di un pessimo gusto nell’arte dell’alienazione dalla realtà, o dello stesso morire.
Ricorrere all’eroina, o alla morfina o ad altre sostanze psicotrope è ben troppo semplice, scontato, lezioso perchè manifesto di vigliaccheria e codardia.
Esistono libri devastatori della psiche, esiste arte capace di sconvolgere qualunque coscienza, esiste una bottiglia di vino con gli amici.


 
Pagine: 1 ... 5 6 [7] 8
Powered by MySQL Powered by PHP Powered by SMF 1.1.21 | SMF © 2006, Simple Machines
Traduzione Italiana a cura di SMItalia

TinyPortal v0.9.8 © Bloc
XHTML 1.0 Valido! CSS Valido!