GulliLibero
  Home   Forum   Help Ricerca Calendario Utenti Staff Login Registrati   *
Pagine: 1 2 [3]   Vai Giù
  Stampa  
Autore Topic: James Cameron - Avatar  (Letto 6388 volte)
0 Utenti e 1 Visitatore stanno guardando questo topic.
Gavroche
Controfigura
*

Karma: 47
Offline Offline

Galleria utente
Posts: 114


Sed quis ego sum ?


Guarda Profilo
« Risposta #30 il: 12 Febbraio 2010, 15:58:15 »



Accidenti, dev'essere difficile per te vivere in un mondo tridimensionale  icon_perplesso

Difficile solo nel caso di una tridimensionalità artificiale.


« Ultima modifica: 12 Febbraio 2010, 16:05:58 da Gavroche » Loggato

" Distruggere è meglio che creare quando non si creano le poche cose necessarie.
E poi, c'è qualcosa di così chiaro e giusto al mondo che abbia il diritto di vivere?
Che mostruosa presunzione credere che gli altri si gioverebbero dello squallido catalogo dei suoi errori.
E a lei che cosa importa cucire insieme i brandelli della sua vita, i suoi vaghi ricordi, o i volti delle persone che non ha saputo amare mai? "
Ricciolino
Star
*

Karma: 311
Offline Offline

Galleria utente
Sesso: Maschile
Nome: Enrico
Posts: 2141



Guarda Profilo
« Risposta #31 il: 12 Febbraio 2010, 16:12:37 »

effettivamente sono i cambi di scena immadiati a dare fastidio, bisogna mettere a fuoco improvvisamente! per questo credo che il gaming 3d sia mooolto meglio
Loggato

Lauri
Ha abbassato il tuo karma
Vip
*

Karma: 89
Offline Offline

Galleria utente
Sesso: Maschile
Nome: Lauri Koivula
Posts: 875



Guarda Profilo
« Risposta #32 il: 12 Febbraio 2010, 18:55:13 »

Dopo innumerevoli e fastidiosi tentativi andati a vuoto, finalmente sono riuscito anch'io a vedere Avatar  icon_sbattesta

Americanata antiamericana? Forse è vero, l'intenzione di Cameron era quella di attaccare alcuni aspetti della cultura imperialistica americana, ma in un film così intriso di americanismo la critica non può che scadere nel vuoto e suonare ipocrita. Infatti ad incarnare l'ideale dell' americano/occidentale medio non è nè il colonnello nè le alte sfere dell' esercito, bensì Jake Sully che nel suo essere "normale" si fa campione delle "nostre" virtù, un personaggio che ha libera capacità di raziocinio ed azione, è in grado di provare compassione,empatia,amicizia,amore e di risolvere la situazione attraverso un atto di eroismo individuale. Quindi più che una critica ai valori amercani "Avatar" ne è un'esaltazione, autoindulgente quando parla di guerra, che d'altronde è voluta solo da personaggi senza umanità (ad esempio il colonnello, una macchietta di crudeltà, il personaggio peggiore del film) che rappresentano la distanza di un potere che ragiona solo in ottica utilitaristica dall'uomo di tutti i giorni.

Per il resto, una lode al 3D, mai invasivo e fine a se stesso ed al quale ci sia abitua molto presto.
La location è davvero fantastica e l'impatto cromatico è davvero mozzafiato: è davvero facile venire ipnotizzati dalla bellezza di Pandora.
Antropologicamente i Na'Vi sono molto simili agli umani, mi sarebbe piaciuto se si fosse osato un po' di più sulla diversità culturale (in fondo la tribalità Na'Vi non sorprende nessuno, sa di trita e ritrita), per creare qualcosa di completamente nuovo.
La storia è indubbiamente avvincente, durante le tre ore non ci si annoia mai ed, infine, mi sento di consigliare "Avatar" a chi ama il cinema d'evasione e le storie di fantascienza.

« Ultima modifica: 13 Febbraio 2010, 10:25:18 da Lauri » Loggato

Ricciolino
Star
*

Karma: 311
Offline Offline

Galleria utente
Sesso: Maschile
Nome: Enrico
Posts: 2141



Guarda Profilo
« Risposta #33 il: 12 Febbraio 2010, 19:52:18 »

concordo con te Lauri, ma hai dimenticato il chiaro messaggio ambientalista
Loggato

Lauri
Ha abbassato il tuo karma
Vip
*

Karma: 89
Offline Offline

Galleria utente
Sesso: Maschile
Nome: Lauri Koivula
Posts: 875



Guarda Profilo
« Risposta #34 il: 13 Febbraio 2010, 10:43:06 »

Citazione
...questa, questa è la nostra terra!

Ce l'hanno menata tre ore con il legame "covalente" tra gli indigeni e Pandora e poi quando il primo arruffapopolo se ne esce con una frase così retorica e visibilmente lontana dalla sensibilità ecologica Na'Vi, tutti stanno lì ad applaudire, incoerentemente.  icon_sbattesta
Che ingenui babbei, i Na'Vi.
Loggato

Nialia
The skin
Staff
Star
*

Karma: 76
Offline Offline

Galleria utente
Sesso: Femminile
Nome: ஜ Giò ஜ
Posts: 2404


ஜ Odio le citazioni. Dimmi quello che sai. ஜ


Guarda Profilo
« Risposta #35 il: 07 Aprile 2010, 20:03:23 »

Anche se a distanza di mesi:

Si è parlato tanto di paragone con film in stampo Pocahontas, ma non sottovaluterei così l'importanza data (anche se in modo dozzinale) a tematiche come la rete sinaptica globale e al ruolo dato agli "involucri" indigeni (o a quelli umani?) in Avatar.
Menate mentali, come detto qualche post più indietro?
Chi ha visto Pocahontas e robe simili sa che la morte è vissuta in modo umanissimo ed assoluto. I nativi americani vivevano avvolti dal loro misticismo, nella loro innocente primitività. Non si è mai neanche lontanamente fatto cenno ad un concetto importantissimo e totalmente nuovo per un ambiente assolutamente non scientifico:

La grandezza dell'Encefalo e la sua valenza sia fisica che elettrica, emozionale, spirituale. Non l'esaltazione della Mente rispetto allo Spirito, nessuna dicotomia tra germogli di Credo e Raziocinio, nessun legame tra tecnologia e percorso di specie. Nessun Aut...Aut.

La divinità dei Na'Vi è concreta e non risiede attorno a loro, proviene da dentro.
E non da "sole, cuore, amore" ma da elementi fisici.
Nessun vecchio saggio barbuto rachitico e legnoso ma corpi snelli e perfetti, coordinatissimi, riflesso perfetto del cervello evolutissimo di una razza, di un pianeta che si è sviluppato su due dimensioni in contemporanea senza rischiare che una delle due uccidesse l'altra.
Atro che semplice ambientalismo.
Scopiazzati dalla razza umana?

Vi sono ben pochi uomini riusciti nell'impresa di coordinare perfettamente le due parti senza impazzire o diventare eremiti incapaci di instaurare normali rapporti sociali.
La legge della normalità detta che "l'uomo di mente" difficilmente tiene molto alla sua salute e forma fisica o non la preferisce ad un bagno di cultura.
Viceversa "l'uomo fisico" difficilmente si preoccupa altrettanto delle conoscenze o non le predilige.

E cito i Tool a tal proposito:

"Over thinking, over analyzing, separates the body from the mind."

Mi premeva più che altro condividere questa personale chiave di lettura (da malata di scienze cognitive, lo ammetto) anche se aprirei volentieri diversi discorsi nerdanti sulle varie tipologie di 3D, sul ruolo della supremazia dell'uomo tecnologico e sulla visione apocalittica del futuro. Ci sarebbe un certo scrittore...

 icon_vino


Loggato


"Quando dici molte parole, non sempre significano qualcosa, o forse non significano nulla comunque,
e noi pensiamo solo che esse vogliano dire qualcosa".
Delirium

"Il est beaucoup moins indécent de coucher ensemble
que de se regarder dans les yeux."

Boris Vian
..:: Dioscuro ::..
I'm Not Okay
Administrator
Star
*

Karma: 390
Offline Offline

Galleria utente
Sesso: Maschile
Nome: φθονος θεών
Posts: 11376


+I don't belong here+


Guarda Profilo WWW
« Risposta #36 il: 07 Aprile 2010, 20:22:57 »

Mi piace molto quello che hai scritto!
Anch'io sono rimasto affascinato dalla descrizione di quella simbiosi. Penso sia quello l'elemento affascinante del film, non certo la battaglia o robe simili.
Loggato


"Quand'ero bambino giocavo sempre con la mia ombra;
mi piaceva muovermi al sole e vederla diventare piccola, grande;
poi però mi sono reso conto che non mi avrebbe mai abbandonato,
neanche al buio."
Nialia
The skin
Staff
Star
*

Karma: 76
Offline Offline

Galleria utente
Sesso: Femminile
Nome: ஜ Giò ஜ
Posts: 2404


ஜ Odio le citazioni. Dimmi quello che sai. ஜ


Guarda Profilo
« Risposta #37 il: 08 Aprile 2010, 02:36:19 »

^___^
Loggato


"Quando dici molte parole, non sempre significano qualcosa, o forse non significano nulla comunque,
e noi pensiamo solo che esse vogliano dire qualcosa".
Delirium

"Il est beaucoup moins indécent de coucher ensemble
que de se regarder dans les yeux."

Boris Vian
Casperfonzy
Libera scelta
Star
*

Karma: 70
Offline Offline

Galleria utente
Sesso: Maschile
Nome: Davide
Posts: 2471


Pensate tutti che io sia chiuso qui con voi...


Guarda Profilo
« Risposta #38 il: 09 Aprile 2010, 16:41:24 »

Mi piace molto quello che hai scritto!
Anch'io sono rimasto affascinato dalla descrizione di quella simbiosi. Penso sia quello l'elemento affascinante del film, non certo la battaglia o robe simili.


anche io! STRACONDIVIDO!
Loggato


"Cogito ergo sum"
"Hakuna matata"
"Il futuro appartiene a coloro che lo preparano oggi"
"La vita non è vita senza musica"
"Solo se sei pronto a considerare possibile l' impossibile sei in grado di scoprire qualcosa di nuovo"
stewie griffin
gli ultimi saranno gli ultimi se i primi sono irraggiungibili
Performer
Star
*

Karma: 79
Offline Offline

Galleria utente
Sesso: Maschile
Nome: stewie
Posts: 1907


< eternal sunshine of the spotless mind >


Guarda Profilo
« Risposta #39 il: 18 Aprile 2010, 14:25:03 »

su ciak ho letto questa curiosa recensione di un lettore:

''Ricetta per un kolossal campione d'incassi: prendere due chili di Pocahontas, aggiungere un litro di Jurassick Park, amalgamare il tutto con 300 milioni di effetti speciali ed infornare. Dopo due ore e quaranta estrarre dal forno e decorare a piacere con un pò de Il Signore degli Anelli, 300 e Braveheart. Et voilà il vostro Avatar è pronto.
Servire con abbondaante pubblicità accompagnato da esagerate aspettative. Vedrete che farete un figurone con amici e parenti.''


Non ha tutti i torti  icon_applausi
« Ultima modifica: 18 Aprile 2010, 15:15:22 da stewie griffin » Loggato




il pupazzo gonfiabile che saluta come uno scemo
don't waste your time, or time will waste you
Pagine: 1 2 [3]   Vai Su
  Stampa  
 
Salta a:  

Powered by MySQL Powered by PHP Powered by SMF 1.1.21 | SMF © 2006, Simple Machines
Traduzione Italiana a cura di SMItalia

TinyPortal v0.9.8 © Bloc
XHTML 1.0 Valido! CSS Valido!